[page_header height=”300px” align=”center”]

[section]

[row]

[col span__sm=”12″]

[accordion title=”Alcune delle domande più comuni”]

[accordion-item title=”1. Qual è il periodo migliore per visitare la Tanzania?”]

È possibile visitare la Tanzania tutto l’anno anche se, per i safari, è meglio durante le stagioni secche che vanno da giugno a ottobre e da fine dicembre a fine marzo.

PARCHI CIRCUITI DEL NORD: sono i più visitati durante la stagione secca, da luglio a ottobre e da dicembre a marzo. La migrazione degli gnu nel Serengeti è in maggio ma, nelle stagioni, è possibile vedere questa bella vista da diversi punti all’interno del parco.

PARCHI CIRCUITI DEL SUD: sono i più visitati durante la stagione secca, da luglio a dicembre. Per chi è interessato al birdwatching, il periodo migliore è da novembre a maggio. Durante la stagione delle piogge, tra la fine di marzo e maggio, i percorsi sono inaccessibili e molte strutture ricettive sono chiuse. Il periodo migliore per visitare la Selous Game Reserve è da agosto a dicembre.

[/accordion-item]
[accordion-item title=”2. Quanto costa il viaggio aereo?”]

Dipende dalla compagnia e dal periodo in cui si vuole partire.

[/accordion-item]
[accordion-item title=”3. Le vaccinazioni sono necessarie?”]

Sono tutte consigliate, compresa la profilassi antimalarica, ma, sebbene non obbligatorie, coprono da infezioni effettivamente presenti.

[/accordion-item]
[accordion-item title=”4. Quali medicine devo mettere in valigia?”]

Portarsi dall’Italia una farmacia da viaggio è indispensabile, soprattutto se si prevede un safari in savana. Sicuramente antibiotici generici e intestinali, un antipiretico e un antistaminico, un antidiarroico, disinfettante con garze e cerotti, un repellente per insetti adatto alle zone tropicali, crema solare, una pomata antistaminica, un termometro e qualche siringa.

[/accordion-item]
[accordion-item title=”5. Se mi sento male cosa devo fare?”]

Nel caso in cui ci si senta male e le medicine portate non siano sufficienti, rivolgersi al numero verde dell’assicurazione con la quale si è stipulato il contratto prima del viaggio ed eventualmente utilizzare il servizio dei Flying Doctorsper farsi trasportare nella città più vicina e procedere al rientro in patria.

[/accordion-item]
[accordion-item title=”6. Come sono le strutture sanitarie tanzaniane?”]

In Tanzania esistono due tipologie di strutture sanitarie: le pubbliche e le private. Tendenzialmente quelle private sono migliori. Due ospedali hanno un livello eccellente: il MUHIMBILI NATIONAL HOSPITAL a Dar es Salaam e il KILIMANJARO CHRISTIAN MEDICAL COLLEGE (KCMC) a Moshi, nella regione del Kilimanjaro.

[/accordion-item]
[accordion-item title=”7. Parlo solo italiano, posso fare un viaggio in Tanzania?”]

Se si prevede un safari organizzato non ci sono particolari difficoltà poiché si può richiedere una guida che parli italiano e che sia in grado di aiutare e fare da tramite per ogni necessità.

[/accordion-item]
[accordion-item title=”8. La Tanzania è pericolosa?”]

La Tanzania è pericolosa come tutti i paesi del mondo, soprattutto nelle città e soprattutto di sera. Il tipo di crimine più comune è il furto. Prestare attenzione nei luoghi affollati e non uscire mai soli la sera dopo il tramonto.

[/accordion-item]
[accordion-item title=”9. Come evitare le truffe?”]

Le truffe riguardano principalmente la vendita di safari. I procacciatori avvicinano i turisti per vendere safari a buon prezzo. Per evitare brutte sorprese si consiglia sempre di rivolgersi a compagnie qualificate che sono in grado di garantire qualità e serietà.

[/accordion-item]
[accordion-item title=”10. Posso fotografare liberamente?”]

In Tanzania è proibito fotografare tutto quello che riguarda uffici pubblici e governativi, tribunali, polizia, etc, ma in generale vige la regola della richiesta se si è interessati a fotografare persone, accompagnata da un piccolo incentivo economico. Non fotografare mai di nascosto: è considerato estremamente scortese.

[/accordion-item]
[accordion-item title=”11. A parte in savana, ci sono codici di abbigliamento particolari?”]

Non sono ben visti vestiti succinti, gonne cortissime o ampie parti del corpo scoperte. Un abbigliamento sobrio e decoroso va più che bene.

[/accordion-item]
[accordion-item title=”12. Ci sono regole generali di comportamento?”]

La gentilezza e la cortesia sono universali, quindi perfette anche in Tanzania. Le effusioni in pubblico non fanno parte del galateo tanzaniano, anche se sono tollerate nei turisti.

[/accordion-item]
[accordion-item title=”13. Quali mezzi ci sono per spostarsi in città?”]

Il mezzo più comune sono i Daladala, piccoli autobus che coprono tutte le zone a tariffa standard. La destinazione è esposta sul parabrezza. Più veloci sono i Bodaboda, mototaxi, e i Bajaji, tricicli con sedile posteriore coperto. I taxi normali sono reperibili nei parcheggi appositi e lungo le strade principali. Contrattare il prezzo prima di utilizzare.

[/accordion-item]
[accordion-item title=”14. Ci sono stazioni Bancomat per prelevare?”]

È possibile prelevare nelle città principali a fronte di una piccola tassa da aggiungere alle tariffe di prelievo imposte dalla banca italiana del proprietario della tessera.

[/accordion-item]
[accordion-item title=”15. È obbligatorio lasciare la mancia alle guide e quali sono le eventuali tariffe?”]

Non è obbligatorio, ma molto apprezzato e prassi comune. Non esiste un vero e proprio tariffario: generalmente, a fronte di un buon servizio, si stimano 10/15 dollari usa al giorno o un più generico 10% del costo del safari.

[/accordion-item]
[accordion-item title=”16. Se faccio acquisti come mi devo comportare?”]

La contrattazione è basilare quando si fanno acquisti in Tanzania. Tutti se la aspettano. Mantenere comunque un livello tollerabile da entrambe le parti è buona norma. Non si contratta su frutta e verdura e nei negozi dei resort e degli alberghi.

[/accordion-item]

[/accordion]

[/col]

[/row]

[/section]